Ittero nei neonati: ti preoccupa? Ecco i sintomi e i trattamenti

Ittero, ti preoccupa? Ecco i sintomi e i trattamenti

Subito dopo il parto vi siete accorti che il vostro bambino ha un colorito strano, quasi giallastro. Questa condizione prende il nome di ittero, ed è abbastanza frequente nei neonati. Tendenzialmente l’ittero nei neonati è una condizione che non causa problemi al bambino, in quanto tende a sparire in poco tempo.

Nella loro prima settimana di vita il neonato sviluppa questa condizione per cui la pelle, e a volte gli occhi, si tingono di giallo. Per poter verificare questa situazione ci sono due tipi di test che il medico può eseguire, il primo è particolarmente semplice: basta premere con un dito sul torace o la fronte per accorgersi del livello di ittero.

Infine, per valutare in modo più clinico la presenta di ittero nel neonato, puoi far eseguire degli esami di laboratorio, che rilevano la presenza di bilirubina nel sangue del bambino.

Questo articolo vuole essere una piccola guida all’ittero nei neonati: imparerai cos’è, cosa lo causa e come trattarlo.

Cos’è l’ittero?

Prima di tutto, è fondamentale capire cosa sia precisamente l’ittero. Nello specifico è una condizione che provoca un ingiallimento della pelle e degli occhi.

La scomposizione dei globuli rossi produce la bilirubina, una sostanza gialla che, se presente in quantità eccessiva nel sangue, causa questo aspetto nella pelle di neonati e adulti. L’ittero nei neonati è abbastanza comune, ma di solito è molto lieve e tende a scomparire entro una o due settimane.

Detto ciò, l’American Academy of Pediatrics (AAP) consiglia di controllare in modo regolare l’ittero nei neonati per tre o cinque giorni dopo la nascita, in quanto un ittero grave può causare danni al cervello del nascituro.

Cause dell’ittero nei neonati

Le cause che possono portare all’ittero nei neonati sono diverse, e ciascuna di esse identifica un particolare tipo di ittero. Vediamo insieme quali sono le più comuni:

  • Ittero fisiologico. Scompare il poco tempo, ed è dovuto a una fisiologica difficoltà dell’organismo del neonato di eliminare la bilirubina in eccesso dal corpo.
  • Ittero nei neonati allattati al seno. Nel caso in cui l’apporto del latte materno dovesse ridursi per qualche motivo, i neonati potrebbero sviluppare ittero durante la prima settimana di vita, a seguito di una condizione di disidratazione.
  • Ittero con emolisi. Essendo prodotta dai globuli rossi, un eccesso di bilirubina può derivare da un problema a livello sanguigno. Un esempio è la Malattia Emolitica del Neonato, causata da una rottura dei globuli rossi.
  • Ittero da inadeguata funzione epatica. Nel caso in cui il neonato soffra di problemi a livello epatico, questo si rifletterà nella produzione di bilirubina, causando l’ittero.

Come abbiamo visto, le cause dell’ittero nei neonati sono molto varie, ma questa condizione può essere trattata molto facilmente.

Come trattare l’ittero nei neonati

Quando si decide di trattare l’ittero nei neonati, sicuramente bisogna tener conto di molti fattori, come la causa scatenante di questo fenomeno, oltre a, ovviamente, i livelli di bilirubina nel sangue.

Ci sono diversi tipi di terapia per l’ittero nei neonati:

  • Fototerapia. Il neonato viene messo sotto una lampada particolare, che crea un tipo di luce in grado di aiutarlo ad eliminare man mano la bilirubina dal sangue. Durante tutto il processo vengono monitorati i livelli di bilirubina, per controllare che stia diminuendo. Qualche raccomandazione: il neonato deve avere gli occhi protetti ed essere completamente nudo sotto la lampada.
  • Biliblanket. Fa parte del mondo della fototerapia, ma utilizza delle coperte a fibre ottiche, che si mettono invece sotto al corpo del bambino, che deve sempre essere nudo. Molto efficace, questa fototerapia può essere anche combinata a quella convenzionale, per un risultato maggiore.
  • Exsanguinotrasfusione. Utilizzato molto di rado, questo tipo di intervento si esegue sostituendo man mano il sangue pieno di bilirubina, con del sangue fresco. Si preleva quindi una quantità di sangue dal neonato tramite la vena ombelicale, poi viene trasfuso nel suo corpo una quantità di sangue “pulito”.

Prevenzione dell’ittero nei neonati

In realtà non è possibile prevenire l’ittero nei neonati, ma riconoscerne la presenza e trattarlo nel modo corretto fa sì che il livello di bilirubina diventi eccessivo, causando dei reali problemi.

Il consiglio che ci sentiamo di darti in questi casi è questo: se il vostro bambino diventa giallo non esitate a contattare immediatamente il Pediatra.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here